Fashion Week Milanese: Il secondo giorno tra sfilate fisiche e digitali

fashion week

Il secondo giorno di Fashion week è stato aperto da Max Mara con un delizioso show fisico in Via Brera. Le nuance avvolgenti del beige fanno da protagonista, aggraziando top con spalle scoperte, trench e completi. Anche il bianco e qualche tonalità di blu pastello rendono la gamma cromatica utilizzata nella collezione fine, ricercata e soprattutto un evergreen che non passa mai di moda.



Se volete vedere il Fashion show di Max Mara, lo lascio qui.

Emporio Armani

Unisce guardaroba maschile e femminile sia nei colori che nella presentazione, costruendo un dialogo con la metropoli attraverso colori che vanno dal nero, bianco, grigio fino al mandorla e a un tenue azzurro con soffici tessuti per esplorare nuovi equilibri. Nella collezione presentata digitalmente troviamo linee morbide con giacche, blouson, camicie, vestiti, tute, crop top e pantaloni morbidi e fluidi che si affacciano al contemporaneo nel suo EABuildingDialogues SS21 che esprime appunto la celebrazione dell’arte non solo della moda, ma anche della musica e dello spettacolo.

Prada alla Milano Fashion Week

Di notevole importanza è stato anche il contributo di Prada che ha collaborato per la prima volta con Raf Simons proponendo attraverso una sfilata digitale un immersione nel concept di Miuccia Prada, la quintessenza del pensiero della grande casa di moda, che la esprime in capi che sono a metà tra il vestire sportivo e formale, passato e futuro risaltano la complessità dell’arte e le controverse forme che la delineano.

Le controversie della vita appunto e i pensieri legati ad essa sono espressi in ogni “capitolo” della sfilata nei quali lo spettatore deve interpretare il significato immenso che risiede in ogni mise proposta da Prada, così apparentemente semplice ma in realtà complessa e ignota.

Tra i vari look proposti tornano i pois, che danno un tocco di charme e saranno sicuramente un trend della prossima Primavera Estate.

Etro sfila alla Milano Fashion Week

Presenta la collezione in uno show fisico che esprime gioia di vivere e leggerezza. Stile a metà tra il marino e l’etnico, colori accesi e stoffe decorate su gonne vistose, camicie legate in vita, vestiti morbidi e fluttuanti danno un tocco sbarazzino al look che è ciò di cui abbiamo bisogno per vivere la stagione calda. Un inno alla spensieratezza che solo Etro con il suo stile sa offrire.

GCDS

Da ricordare è anche il progetto realizzato da GCDS, marchio italiano che realizza una sfilata totalmente digitale in cui i testimonial del brand diventano avatar realizzati in 3D. Tra i nomi più noti troviamo Dua Lipa, Anwar Hadid, Chiara Ferragni e Fedez.

Riporta alla luce tendenze anni ’70 e ’80 con i pantaloni a zampa, il patchwork, felpe, bikini stile hippie, stampe particolari portate in una passerella virtuale in grande stile.

Seguitemi in questo viaggio nei prossimi giorni per il best of della MFW.

Vedi: Milano Fashion Week terzo e quarto

Pubblicato da

From Italy; Passionate about fashion since childhood. I loved and I love combining different fabrics and styles, knowing all sides of the fashion industry and I fell in love with it, I created my own style and this blog is my way to express it.

Un pensiero riguardo “Fashion Week Milanese: Il secondo giorno tra sfilate fisiche e digitali

Rispondi